Comincio la mia avventura su Apple e Dintorni con l’ultimo articolo che ho pubblicato sul blog del gruppo Digital_Darwinism. C’è però una differenza rispetto alla prima pubblicazione: ho finalmente tra le mani il mio iPad e contemporaneamente è partita una promozione di 7 giorni di un’ottima applicazione per gestire block notes, iDraft. Potete scaricarla gratuitamente e sinceramente mi sento di consigliarla [Link iTunes].

Ovviamente il seguito di questo articolo e tutti i miei successivi articoli/recensioni continueranno qui su Apple e Dintorni e non più si Digital_Darwinism.

Durante il lavoro utilizzo frequentemente quaderni o fogli di carta (volanti) per prendere appunti, fare schemi, segnare idee etc.
Il problema principale di questa metodologia è l’impossibilità di tenere in ordine (cronologico o per argomento) il materiale prodotto, con il risultato finale di avere un sacco di appunti in disordine e spesso di consumare carta per riscrivere cose scritte in precedenza, ma andate perse.

In una passata esperienza lavorativa ho provato ad utilizzare il mio EeePC da 7″ come blocco per gli appunti, nel tentativo di trovare una soluzione al problema del disordine. In particolare utilizzavo un programma fornito con Ubuntu (Tomboy) che permette di creare delle pagine Wiki sottoforma di post-it.
La potenzialità di questo software è la possibilità di collegare vari post-it a seconda di una parola chiave, creando così un ordine automatico degli appunti basato sull’argomento.

Anche questo metodo presenta dei difetti (tecnologici e soggettivi):
– non è possibile condividere gli appunti realizzati (no cloud computing)
– la batteria del mio vecchio EeePc non va oltre le due ore (le riunioni durano sempre più di due ore)
– non c’è la possibilità di fare schemi
– scrivere con la tastiera non è così “immediato” come prendere appunti a mano.

Fallito questo primo esperimento per la ricerca del sostituto dell’accoppiata carta&penna, è giunto il momento di cominciarne un altro con un iPad.
A breve mi arriverà la versione da 16GB solo WiFi ed ho già in mente le applicazioni da testare:
FastFinga

Penultimate

ToDo per iPad

Dovrò poi valutare se si può fare tutto a mano (con o senza tastiera virtuale) o con un pennino.

Leggendo alcune prove effettuate da altri utenti ho capito che è fisicamente impossibile (per ora) scrivere appunti con una caligrafia piccola utilizzando un pennino, con il rischio di creare un sacco di pagine virtuali per pochi appunti/schemi.

Per ora non mi resta che attendere l’arrivo dell’iPad e della custodia che ho vinto con il contest di Saggiamente 🙂

0